(troppo vecchio per rispondere)
Cambio assegno dai 1000 euro in su
Enzolino
2012-10-04 19:19:07 UTC
La normativa interna della mia banca prevede che non si cambiano assegni
dai 1.000 euro in su a clientela occasionale.

A prescindere dalla normativa interna, non mi pare di aver letto LEGGI
sull'assegno in merito a questo tipo di cambio a gente occasionale.
Si discute tra colleghi pure su cambi di assegni circolari emessi dalla
mia
filiale a gente occasionale superiore ai 1000 euro (2.000 euro),
presentatisi
nella stessa filiale emittente per il cambio.
Ok per la normativa interna, ma ripeto, non ho letto di leggi Italiane
sull'assegno che vietano il cambio di assegni bancari e circolari dai
1.000
euro in sù. Qualcuno sa dirmi qualche cosa in merito...
Si parla di tracciabilità ecc. ma il cambio allo sportello è comunque
tracciato.

il limite dei 1000 euro è solo per le pensioni e per scambi di contanti
tra
terzi, senza l'intermediario...
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Vinicio Loncagni
2012-10-05 04:55:16 UTC
Post by Enzolino
La normativa interna della mia banca prevede che non si cambiano
assegni dai 1.000 euro in su a clientela occasionale.
Se "mia banca" vuol dire "banca dove lavoro", rispetta la normativa e non
preoccuparti di altro.
Se "mia banca" vuol dire "banca dove ho il conto corrente"... che te ne
frega, se sei correntista non sei clientela occasionale!
Se "mia banca" vuol dire "banca sotto casa dove non ho mai aperto alcun
conto corrente ma ci vado ogni tanto quando proprio non posso farne a meno"
... arrangiati!
Post by Enzolino
A prescindere dalla normativa interna, non mi pare di aver letto LEGGI
sull'assegno in merito a questo tipo di cambio a gente occasionale.
Non ne esistono.
Post by Enzolino
Si discute tra colleghi pure su cambi di assegni circolari emessi
dalla mia filiale a gente occasionale superiore ai 1000 euro (2.000 euro),
presentatisi nella stessa filiale emittente per il cambio.
Si ricade nel caso precedente.
Semplicemente, per non pagare gli assegni si oppone solo la mancata
conoscenza della persona che si presenta allo sportello.
E' una fase precedente al cambio vero e proprio, e quindi si non entra nel
merito dell'assegno in se stesso, sia questo bancario o circolare.
Visto che le banche sono enti privati, non sono obbligate a ritenere
esaustiva l'identificazione di un soggetto sconosciuto, neanche dietro
presentazione di uno o più documenti.

Ciao ciao

Vinicio Loncagni
--
Vinnie_LoncasATtiscaliPUNTOit
Gringotts Bank LTD, Diagon Alley.
http://tinyurl.com/7g8322e
Luca Logi
2012-10-05 06:22:42 UTC
Post by Vinicio Loncagni
Visto che le banche sono enti privati, non sono obbligate a ritenere
esaustiva l'identificazione di un soggetto sconosciuto, neanche dietro
presentazione di uno o più documenti.
C'è da osservare che man mano che il denaro contante sarà abbandonato
contro l'adozione di pagamenti tracciabili, bisognerà prevedere misure
che obblighino le banche a svolgere servizi al pubblico - le banche non
potranno incassare solo i vantaggi e cercare di scansare il lavoro
sporco (anche se non c'è dubbio che ci proveranno). Il giorno in cui,
per dire, sarà obbligatorio avere un conto corrente bancario (e di fatto
ci siamo), dovrebbe essere anche previsto dalla legge che le banche
debbano svolgere obbligatoriamente alcuni servizi di base nei confronti
di chi li richiedesse.
--
Luca Logi - Firenze - Italy e-mail: ***@dada.it
http://archivarius2.blogspot.it/
http://archivarius2.wordpress.com
http://www.angelfire.com/ar/archivarius
Gi_pll
2012-10-05 07:47:29 UTC
Post by Luca Logi
per dire, sarà obbligatorio avere un conto corrente bancario (e di fatto
ci siamo), dovrebbe essere anche previsto dalla legge che le banche
debbano svolgere obbligatoriamente alcuni servizi di base nei confronti
di chi li richiedesse.
Il pesce è più gustoso se si riesce a diliscarlo.

Gi
LucaS
2012-10-05 12:55:08 UTC
Post by Enzolino
La normativa interna della mia banca prevede che non si cambiano assegni
dai 1.000 euro in su a clientela occasionale.
Nella mia < di 1500 euro e previa identificazione lo fa direttamente
l'operatore di sportello.
Post by Enzolino
di 1500 con l'autorizzazione del direttore.
Il limite è funzionale alla gestione di un rischio; abbassarlo giusto giusto
ai famigerati 1.000 euro è solo una maliziosa trovata.
Ancorchè chi debba incassare l'assegno sa perfettamente che versandolo nella
propria banca non è subito disponibile, cambiandolo invece si e molto più
spesso mi sono imbattuto in dipendenti che non in truffatori.
La banca non ha obblighi nei confronti del presentatore ma eventualmente
nei confronti del proprio cliente che ha tratto l'assegno (a/b); tanti casi
sciocchi dove il beneficiario da in escandescenze minacciando di chiamare
le forze dell'ordine e del disordine, del bene e del male tutte in testa al
direttore, si risolvono spesso con un po di buonsenso.
Parrebbe poi illogico ma il rischio operativo è più alto a fronte di una
specifica categoria di assegni (di traenza ad esempio) piuttosto che di un
a/b normale o meglio, così tagliamo la lingua ai fraintendimenti, "da me"
il punto d'attenzione è maggiore sul primo.
Sempre per esperienza (ma credo siamo in pochi a raccontarcele) , capita
spesso questa casistica (cambio assegni) a fronte del pagamento di stipendi
per alcune cooperative oppure per conto di determinate amministrazioni
dello stato; il riscontro, eventualmente, non è difficile.
Infine ogni istituto ha una propria policy in materia di identificazione
della clientela con tuttavia molti elementi comuni alle altre banche poichè
non esiste "una" legge o un articolo specifico che norma il caso e che
pertanto sia chiarificatorio alla tua domanda.
Bensì più di una e di uno ma ben poco importa.
Il problema di chi fa questo lavoro è quello di operare conformemente alle
disposizioni.
Per le opinioni ci sono gli ennegi :-)

Buon lavoro
LucaS
2012-10-05 13:15:41 UTC
Post by Luca Logi
sporco (anche se non c'è dubbio che ci proveranno). Il giorno in cui,
per dire, sarà obbligatorio avere un conto corrente bancario (e di fatto
ci siamo), dovrebbe essere anche previsto dalla legge che le banche
debbano svolgere obbligatoriamente alcuni servizi di base nei confronti
di chi li richiedesse.
Concordo e mi pare che già si stiano muovendo tutti quanti in tal senso.
Cio che riscontro ogni giorno tuttavia, nella mia quotidiana esperienza è
l'assoluta mancanza di cultura in materia, da parte della clientela.
Ad ogni livello.
Professionisti che stilando per conto del proprio cliente una dichiarazione
di successione non hanno contezza che le obbligazioni si valorizzano a
corso secco;
Clienti convinti che il non accettare un'autocertificazione da parte della
banca sia un'infrazione alla legge;
Persone che dopo ventanni dall'introduzione dell'imposta di bollo ti
chiedono che cos'è quell'addebito in conto;
Altre che emettono assegni e solo dopo si accorgono di non avere in conto la
disponibilità;
Und so veit...und so veit .... und so veit, come recitava il mitico
Boskovsky, per concludere l'esecuzione del Perpetuum mobile di Strauss.
Ecco, mi è giusto venuto in mente Strauss; il brano citato è intestato,
nello spartito originale, come "scherzo musicale".
E francamente di scherzo ormai penso parliamo ogni volta che sfioriamo
questo argomento.
Massimo rispetto per i pensionati, in particolare quelli al minimo che non
hanno di che campare: per quelli di oggi e per quelli, molti di più che
verranno negli anni a venire.
Non prendiamoli persò sempre come scusa per dire che le banche devono
svolgere obbligatoriamente servizi di base.
L'educarsi a qualcosa di diverso che non siano le partite di calcio non è un
obbligo ma diventerà sempre più una necessità.
saluti
edevils
2012-10-05 16:23:06 UTC
On Fri, 5 Oct 2012 15:15:41 +0200, "LucaS" <***@gmail.com> wrote:
...
Post by LucaS
Cio che riscontro ogni giorno tuttavia, nella mia quotidiana
esperienza è
Post by LucaS
l'assoluta mancanza di cultura in materia, da parte della
clientela.
...


Quando si tratta di professionisti un effetti mi sembra grave.
Quando si tratta di comuni cittadini, direi che è abbastanza normale
una certa ignoranza in materia, anzi la banca ha maggiori obblighi
proprio in virtù di questa asimmetria.
Post by LucaS
Massimo rispetto per i pensionati, in particolare quelli al minimo che non
...
Post by LucaS
Non prendiamoli persò sempre come scusa per dire che le banche devono
svolgere obbligatoriamente servizi di base.
Considerando gli aiuti che le banche ricevono dagli Stati quando si
mettono nei guai, qualche obbligo pubblico forse gli toccherebbe ;)
LucaS
2012-10-05 19:11:27 UTC
Post by edevils
Quando si tratta di professionisti un effetti mi sembra grave.
Quando si tratta di comuni cittadini, direi che è abbastanza normale una
certa ignoranza in materia, anzi la banca ha maggiori obblighi proprio in
virtù di questa asimmetria.
Ohh l'asimmetria.
Come dice il dottor Lecter ....prima regola Clarice: semplicità...leggi
Marco Aurelio
:-)
edevils
2012-10-05 20:44:17 UTC
Post by LucaS
Ohh l'asimmetria.
semplicità...leggi
Post by LucaS
Marco Aurelio
Pensa che le banche sono citate come esempio nella definizione stessa
della parola "Asimmetria" nel dizionario Treccani ;)

2. Con uso fig., nel linguaggio delleconomia, a. informativa, la
imperfetta distribuzione delle informazioni tra le diverse categorie
di operatori (per es., settore pubblico e settore privato; venditori
e compratori di un prodotto; impresa finanziata e banca finanziatrice
in un contratto di finanziamento; imprese e famiglie nella formazione
della domanda e della offerta di lavoro), soprattutto con riguardo
alle conseguenze che da essa possono derivare sulle decisioni degli
operatori economici.
Simgar
2012-10-05 20:51:30 UTC
Post by Enzolino
La normativa interna della mia banca prevede che non si cambiano assegni
dai 1.000 euro in su a clientela occasionale.
A prescindere dalla normativa interna, non mi pare di aver letto LEGGI
sull'assegno in merito a questo tipo di cambio a gente occasionale.
Si discute tra colleghi pure su cambi di assegni circolari emessi dalla
mia
filiale a gente occasionale superiore ai 1000 euro (2.000 euro),
presentatisi
nella stessa filiale emittente per il cambio.
Ok per la normativa interna, ma ripeto, non ho letto di leggi Italiane
sull'assegno che vietano il cambio di assegni bancari e circolari dai
1.000
euro in sù. Qualcuno sa dirmi qualche cosa in merito...
Si parla di tracciabilità ecc. ma il cambio allo sportello è comunque
tracciato.
il limite dei 1000 euro è solo per le pensioni e per scambi di contanti
tra
terzi, senza l'intermediario...
L'art. 31 del R.D. che disciplina la materia degli assegni bancari
recita testualmente: "L'assegno bancario è pagabile a vista".
Tutto il resto sono chiacchiere da bar.
L'identificazione è assolta da un qualsiasi documento (carta
d'identità/passaporto). Ogni contestazione in merito deve essere opposta
come querela di falso. Il mancato pagamento deve essere certificato dal
protesto elevato dal pubblico ufficiale/notaio con la motivazione che la
banca fornirà al pubblico ufficiale (tra cui non figura sicuramente
cliente non favorevolmente conosciuto). Non ci sono limiti di importo
perchè chi paga è un intermediario abilitato a farlo. La normativa
interna della banca equivale a poco meno di un regolamento di condominio.
Vinicio Loncagni
2012-10-06 06:08:53 UTC
Post by Simgar
L'art. 31 del R.D. che disciplina la materia degli assegni bancari
recita testualmente: "L'assegno bancario è pagabile a vista".
Peccato, ero convinto che la genìa dei sostenitori del "pagabile a vista" si
fosse estinta, fosse emigrata nel Belucistan o, meglio, avesse seguito un
corso di tecnica bancaria.

Chi vuole, potrà stamparsi il post precedente e, quando deve cambiare un
assegno, portarselo dietro, per farlo leggere al bancario.
Poi ci racconterà il seguito.

Ciao ciao

VL
--
Vinnie_LoncasATtiscaliPUNTOit
Gringotts Bank LTD, Diagon Alley.
http://tinyurl.com/7g8322e
Vinicio Loncagni
2012-10-06 06:15:34 UTC
Post by LucaS
Und so veit...und so veit .... und so veit,
Domanda
Devo affittare un capannone industriale, e devo versare la caparra (più di
settemila euro).
Strano, non ho trovato neanche una banca che faccia libretti di risparmio al
portatore superiori ai 999 euro!
Commercialista, come faccio?

Risposta (nota bene : *del commercialista*!!!!!!!!!!)
Beh, semplice, fai otto libretti da 950 euro l'uno!

Ciao ciao

VL
--
Vinnie_LoncasATtiscaliPUNTOit
Gringotts Bank LTD, Diagon Alley.
http://tinyurl.com/7g8322e
LucaS
2012-10-06 07:11:02 UTC
Post by Vinicio Loncagni
Chi vuole, potrà stamparsi il post precedente e, quando deve cambiare un
assegno, portarselo dietro, per farlo leggere al bancario.
Il bancario probabilmente nemmeno lo leggerà.
Con tutte le pressioni commerciali che riceve figurati se ha tempo per
questi minuetti ;-)
edevils
2012-10-06 09:03:06 UTC
On Fri, 5 Oct 2012 06:55:16 +0200, "Vinicio Loncagni"
<***@nospam.invalid> wrote:
...
Post by Vinicio Loncagni
Se "mia banca" vuol dire "banca dove ho il conto corrente"... che
te ne
Post by Vinicio Loncagni
frega, se sei correntista non sei clientela occasionale!
Ma cosa succede se una terza persona non conosciuta dalla sua banca
vuol incassare un suo assegno nella sua banca?
segarender
2012-10-06 09:52:59 UTC
"LucaS" ha scritto nel messaggio news:506fd987$0$13281$***@reader2.news.tin.it...

Io di regolamenti bancari non me ne capisco e non mi interessano ma una
volta che dovetti cambiare un assegno di 3200 euro, quando la banca iniziò a
fare storie, dissi semplicemente: chiamo i carabinieri, tirai fuori il mio
fido telefono e fui interrotto dal cassiere che mi disse chiamo il direttore
e vediamo se risolve lui....

Assegno pagato.

Banca a me sconosciuta e anche io a loro sconosciuto.

Mio pensiero: le banche ci provano a fare le furbe, ma quando trovano
qualcuno che non ci sta e alza i toni e minaccia di chiamare le forze
dell'ordine la questione si risolve nel giro di qualche minuto.

E da quel che so io, comune mortale, sono obbligati a cambiarti un assegno
in mano tua emesso dalla banca dove sei andato per cambiarlo, che tu abbia
il conto c/c oppure no.

Piuttosto, come mai intesa san paolo si rifiuta di pagare le bollette enel
allo sportello quando ti rechi con un bollettino postale? (quello allegato
alla fattura che ti giunge a casa)

Anche sulla fattura stessa è scritto pagabile in posta, lotto, sisal, banche
(convenzionate e non).... a me han fatto storie!!
Vinicio Loncagni
2012-10-06 11:03:35 UTC
Post by segarender
Io di regolamenti bancari non me ne capisco e non mi interessano ma
una volta che dovetti cambiare un assegno di 3200 euro, quando la
banca iniziò a fare storie, dissi semplicemente: chiamo i
carabinieri, tirai fuori il mio fido telefono e fui interrotto dal
cassiere che mi disse chiamo il direttore e vediamo se risolve lui....
Assegno pagato.
Faccio prima, e copio/incollo qui sotto un mio vecchissimo messaggio.
Ciao ciao
VL

----- Original Message -----
From: "Vinicio Loncagni"
Newsgroups: it.economia.banche
Sent: Tuesday, May 14, 2002 3:31 PM
Post by segarender
... rifiutano di liquidare gli assegni
circolari e/o bancari allo sportello dove è radicato il conto corrente
ai legittimi portatori
Vorrei che qualcuno mi spiegasse come può fare un cassiere di banca a
identificare con sicurezza, senza doverci rimettere *personalmente* in
caso di errore, il "legittimo portatore".
Post by segarender
A tali pratiche arbitrarie è possibile rispondere, sia con la denuncia
ai carabinieri o alla polizia
Una volta venne un carabiniere allo sportello, chiamato dentro da uno
sconosciuto che voleva incassare dieci milioni di vecchie lirette.
Peccato che tale carabiniere non si prese la responsabilità di garantire
l'identità dello sconosciuto...
La legge sull'assegno prevede espressamente che la banca possa bloccare
i fondi di un assegno presentato allo sportello ma non pagabile per
cassa, appunto per tutelare il portatore.
Altolà: titolo AL PORTATORE. La cosa è diversa.
Al portatore, CHIUNQUE SI PRESENTI, ha tutte le ragioni.
Nel caso dell'assegno intrasferibile intestato a Rossi Mario...chi mi
assicura che ci sia veramente in banca il Rossi Mario LEGITTIMAMENTE
portatore dell'assegno?
Post by segarender
...costringere il
portatore di titoli di credito pagabili a vista, ad aprire un conto
corrente,per versarlo e poi prelevarlo.
No. Capita che diciamo allo sconosciuto "venga domani a prendere i
soldi". Qualcuno lo fa, e ci guadagna anche in valuta...
E nel frattempo si fanno le indagini del caso, contattando l'emittente e
via così...

Le banche hanno le loro colpe, ma non esageriamo...

Vinicio Loncagni
LucaS
2012-10-06 13:36:30 UTC
Post by segarender
Io di regolamenti bancari non me ne capisco e non mi interessano ma una
volta che dovetti cambiare un assegno di 3200 euro, quando la banca iniziò
a fare storie, dissi semplicemente: chiamo i carabinieri, tirai fuori il
mio fido telefono e fui interrotto dal cassiere che mi disse chiamo il
direttore e vediamo se risolve lui....
dell'ordine la questione si risolve nel giro di qualche minuto.
Eh già, siamo tutti cow boy basta il chewingum tra i denti anche se.... non
me ne capisco :-)
Le Forze dell'Ordine forse hanno qualcosa di più importante da fare e
probabilmente ti direbbero di rivolgerti ad un legale/notaio.
Personalmente non ho mai creato problemi a nessuno anche perchè di solito
non uso il cervello come fosse una moto da cross, come fanno in tanti.
Qualche volta, in casi molto rari, ho invitato qualcuno a versarlo nella
propria banca e non è mai tornato nemmeno con i vigili urbani.
Da me e so un po ovunque, per fare i buoni e disponibili, non si chiede il
triplo salto carpiato con avvitamento ma la semplice tessera sanitaria e
documento d'identità in corso di validità.
Le modalità di verifica della prima sono note; non perdo tempo a spiegarlo
a te che sfoderi il cellulare come fosse una colt45 :-)
Per il documento ricordo che una volta per verificarne l'autenticità
telefonai al comune di Milano per farmi dire le modalità pensando, a
ragione, che potevano essere un po diverse rispetto a quelle del comune di
Robbio Lomellina.
Copia documento e richiesta via fax, firmata dal Direttore.
Risposta dopo 3 mesi.
Allora chiamiamoli pure i carabinieri se sono in grado di rispondere subito
al quesito, ma non facciamo dell'onanismo mentale su questi casi.
Rientro in questo momento da due ore di nuoto; un ottimo metodo per
scaricarsi.
saluti
Max max
2012-10-06 14:32:43 UTC
Post by LucaS
Post by LucaS
Copia documento e richiesta via fax, firmata dal Direttore.
Risposta dopo 3 mesi.
:) con buona pace di chi pensa che per i privati è possibile fidarsi dei
documenti di identità di questa repubblica.
A tacer del fatto che di moduli per carte di identità in bianco ne trovi a
chili nei circuiti appositi (poco legali ma esistenti).
Max max
2012-10-06 14:34:48 UTC
Post by LucaS
Le modalità di verifica della prima sono note
cosa che potrebbero fare anche per i documenti di identità: sito affidabile,
si inserisce il numero e si vedono i dati e la foto ...
Altro che cie :)
LucaS
2012-10-06 16:21:35 UTC
Post by Max max
A tacer del fatto che di moduli per carte di identità in bianco ne trovi a
chili nei circuiti appositi (poco legali ma esistenti).
E non ti pare un buon motivo, nel momento in cui è necessario identificare
per la prima volta un soggetto ?
Fosse anche solo per cambiargli un assegno?
Uno degli alert più diffusi riguarda, ad esempio, proprio i tentativi
fraudolenti di apertura conti correnti con documenti falsi.
I carabinieri, quelli del nucleo radiomobile per intenderci, ogni tanto li
chiama la banca non il cliente.
Vogliamo fare la solita menata di torrone su quello che potrebbe essere, nel
mondo ideale dei nostri sogni ed invece purtroppo non è?
A parte la già annunciata card unica?
Per ora solo annunciata.

Pagina Successiva >
Pagina 1 di 5